Contenuto principale

100° Congresso La partecipazione traccia il nostro futuroMontagne 360 - dicembre 2015

Editoriale: 100° Congresso - La partecipazione traccia il nostro futuro

Dopo la conclusione del 100° Congresso di Firenze alcune considerazioni diventano d’obbligo prima di dare il via all’elaborazione di quanto prodotto dai partecipanti per giungere al cambiamento da tanti auspicato. I contributi portati in apertura dell’evento dai rappresentanti delle istituzioni e dagli ospiti sono stati importanti e stimolanti per la nostra discussione. Potrete leggerli, insieme ai saluti delle autorità presenti, negli atti del Congresso.

Molto apprezzato il videomessaggio che il Ministro per i Beni e le Attività Culturali, on. Dario Franceschini ha inviato ai congressisti. Un messaggio che è andato ben oltre ai saluti e ha proposto una riflessione sul tema della rete sentieristica e dei cammini. Ricordo con grande emozione l’intervento di don Ciotti che con efficace chiarezza ha toccato gli aspetti essenziali del significato del donare nella società di oggi, che è in buona parte ostile e dove prevale l’apparire, l’arricchirsi sopraffacendo gli altri e in cui la “furbizia” sembra primeggiare. Il senso di un congresso è dato anche dalla partecipazione: 425 iscritti (senza contare relatori, ospiti e addetti ai lavori), 133 sezioni presenti, 30 interventi dei partecipanti dopo le relazioni dei portavoce dei tre seminari. Questi numeri ci fanno dire che possiamo considerarlo un Congresso di successo. Certamente oltre alla partecipazione, anche il clima percepito durante tutti i lavori ci aiuta a definirlo una buona esperienza di crescita e confronto.

Montagne 360 - Editoriale Dicembre 2014 dicembre 2015 - Montagna 360 - Editoriale