Contenuto principale

Cai Tam

NEWSLETTER CAI-TAM    

Numero 1 - GENMNAIO 2017 - www.cai-tam.it

Rigopiano

SCOSSE, NEVE E GELO - IL CENTRO ITALIA MESSO DURAMENTE ALLA PROVA

Una pesante successione di quattro scosse il 18 gennaio, tre delle quali concentrate in un'ora. Le aree colpite sono le stesse che hanno subito il sisma nei mesi scorsi, accentuando danni e timori. Movimento ed energia sembrano indurre un dinamismo diffuso tra le faglie e nei giorni scorsi una serie di scosse più lievi ha interessato anche il Molise. Del terremoto non possiamo fare previsioni ma la neve era annunciata ed è arrivata abbondante, in una situazione di grande freddo. Terremoto, manto nevoso, gelo, macchine bloccate dalla neve, viabilità interrotta, mancanza di elettricità, paesi e frazioni in isolamento stanno ancora determinando difficoltà immense.  Importante dunque soffermarsi su alcune considerazioni, in quanto territori e popolazioni già vulnerate avrebbero avuto bisogno di maggiore attenzione. Noi la chiamiamo PREVENZIONE, quell'agire che è dato dal senso di precauzione, che dovrebbe tenere conto anche delle diverse facce dell'inverno e del cambiamento climatico, con la possibilità di eventi che possono portare nevicate abbondanti. E così è stato.
- I Comuni montani sono ridotti al lumicino, con le risorse economiche scarse e lo spopolamento in atto;
- Che fine hanno fatto i piani neve, necessari per fronteggiare eventi che un ambiente sempre più vulnerabile manifesta?
- La tempestività d'intervento e il coordinamento tra Enti non possono mancare in queste situazioni di difficoltà diffusa su paesi e frazioni;
- Le Reti di comunicazione sono saltate e paesi, frazioni e case sparse sono rimasti incredibilmente isolati, mostrando i limiti di una realtà che del "tutto connesso" fa un suo vanto;
- La mancanza di energia elettrica ha determinato difficoltà e isolamento, acuiti in presenza di freddo intenso;
- L'emergenza di primo soccorso ha mostrato ampi limiti e ritardi di azione ed è terribile quanto accaduto con la valanga  sull'albergo a Rigopiano;
- Determinante l'azione dei soccorritori, tra i quali il nostro CNSAS;
- Mi ha fatto impressione non vedere in azione il Corpo Forestale della Stato, uomini e mezzi che "sanno" di montagna.
Non si può più rinviare quanto è accaduto all'eccezionalità degli eventi ma riconoscerli come probabili in queste mutate condizioni. E' necessario organizzarsi per tempo responsabilmente ricorrendo a conoscenze approfondite e fare prevenzione con servizi adeguati, attivando condivise risposte mutualistiche.
Filippo Di Donato - Presidente CCTAM del CAI

Regione Alpina

Regione Alpina

EUSALP, quarta Strategia Macroregionale europea, nasce per rispondere alle importanti sfide che richiedono una posizione comune nella Regione Alpina, stimolare un modello di sviluppo innovativo e sostenibile, conciliare la promozione della crescita e dell'occupazione con il valore delle risorse naturali e culturali nell'area...leggi tutto

Impianti sciistici a cavallo dell'Appennino Tosco-Emiliano? Il CAI: NO GRAZIE!

Impianti sciistici

In pieno cambiamento climatico e con la necessità di utilizzare con parsimonia e attenzione le risorse, ecco che le Regioni Emilia Romagna e Toscana propongono (incredibile!) la realizzazione di un comprensorio sciistico ancora più vasto dell'attuale, a cavallo dell'Appennino Tosco-Emiliano, rispolverando addirittura una proposta progettuale degli anni '60...leggi tutto

Per la TUTELA delle ALPI APUANE

Alpi Apuane

Le Alpi Apuane vivono la delicata fase del rinnovo del Presidente del Parco. Un mirato APPELLO del CAI chiede che la scelta del futuro Presidente del Parco delle Alpi Apuane si basi solo sulla reale competenza in materia di aree protette e biodiversità. C'è una forte e chiara opposizione alla possibile riconferma di Putamorsi, presidente uscente. Una diversa nomina sarebbe un segnale importante per luoghi e popolazioni che meritano un Presidente di Parco attento all'eccezionalità delle Alpi Apuane, che sono anche Geosito Unesco. L'APPELLO del CAI è rivolto al Presidente della Comunità di Parco, Riccardo Tarabella, ai Sindaci della Comunità di Parco e al Presidente della Regione Toscana Enrico Rossi....leggi tutto

Buona Montagna a tutti con la Tam del Cai!

Agenda 2017
Agenda 2017

La CCTAM ha realizzato l'AGENDA CAI 2017 con le buone pratiche per la tutela dell'ambiente montano. Nell'AGENDA appuntiamo il nostro "agire", il nostro "fare" quotidiano. Gli eventi si susseguono, scanditi in secondi e ore. I giorni diventano i frammenti di un puzzle che, mese dopo mese, arrivano a comporre gli eventi dell'anno...leggi tutto

 
Corsi / Aggiornamenti 2017
Corso di aggiornamento
Il Programma di formazione 2017 del CAI TAM si presenta distribuito in molte Regioni, con diversi eventi nazionali...leggi tutto

Osservatorio Ambiente: “Terrazze sul futuro” verrà
Terrazze sul futuro
Il Territorio va sfogliato e letto nelle sue parti e, come frequentatori osservatori, i soci CAI risultano in questo privilegiati. Il 3° Congresso Mondiale dei Paesaggi Terrazzati, ospitato dal 6 al 15 ottobre a Venezia, Padova e in alcune località terrazzate italiane, ha centrato gli obiettivi che si era preposto, ricapitolati nel "Manifesto Italiano delle aree terrazzate"...leggi tutto
 
Montagna 360: Senso di appartenenza e importanti novità per tutti i Soci
M360
Il primo editoriale 2017 del Presidente Generale Vincenzo Torti ci riporta all'amore e al rispetto per l'ambiente e le popolazioni montane…Socie e Soci Carissimi il Nuovo Anno prende vita e desidero fare a ciascuno di Voi i migliori auguri. Nelle nostre Sezioni, come di consueto, i rinnovi del tesseramento e le iscrizioni dei nuovi Soci, già riavviati a novembre, riprendono con impegno ed entusiasmo...leggi tutto
 
Relazione Attività TAM 2016 - scadenza 15 febbraio 2017
M360
Carissimi qualificati TAM,  
Vi ricordo l'annuale appuntamento con la Relazione Attività. Si avvicina la scadenza del 15 febbraio 2017 per la consegna delle schede 2016. Come negli anni precedenti le schede saranno raccolte dalle CRTAM per tutti i qualificati: sezionali, regionali e nazionali. Saranno poi le CRTAM che provvederanno a inoltrarle alla CCTAM...leggi tutto