Contenuto principale

Elenco segnalazioni

Pagina aperta a tutti per comunicare con la CCTAM e segnalare eccellenze e criticità compilando i form riportati

Nuova segnalazione di criticità ambientale

Nuova segnalazione di eccellenza ambientale

ENTE CHE SEGNALA DATA REGIONE DESCRIZIONE PROPOSTA DI INTERVENTO REFERENTE
Naturalista 29 / 05 / 2016 LOMBARDIA "Purtroppo, la qualità del locale governo del territorio si può evincere anche dalla tragica vicenda della “Croce del Papa”: un gigantesco crocefisso di legno alto 30 m, progettato e costruito per durare pochi giorni in occasione di una visita a Brescia di Giovanni Paolo II, è stato installato a Cevo, sul ventosissimo colle dell’Androla, con ingentissima spesa di denaro e a pochi metri dalla cappella settecentesca che domina il colle. Pochi anni più tardi, nell’aprile 2014 (due giorni prima di Pasqua) la colossale croce di legno si è improvvisamente spezzata abbattendosi al suolo su un gruppo di ragazzi di Lovere in gita oratoriale. Uno dei ragazzi, forse rallentato nella reazione dalla sua disabilità, è rimasto ucciso. Per questo è in corso un processo a carico degli amministratori locali, del parroco, ecc.
Se il disastro fosse accaduto due giorni dopo, quando era prevista una messa pasquale nello spiazzo sotto la croce, sarebbe potuta essere una strage. Il tragico fatto ha comunque fatto conoscere Cevo a tutta Italia, attraverso i notiziari nazionali.
Oggi il colle dell’Androla a Cevo, uno dei punti panoramici più spettacolari della Lombardia, è irrimediabilmente deturpato dal moncone residuo della gigantesca croce.
Nei primi anni ’90 si riuscì in extremis a evitare l’asfaltatura della mulattiera della vicina Val Salarno, un altro ramo della Val Saviore, grazie a una mobilitazione che coinvolse il ministero dell’ambiente."
Strada lago d'Arno Bardelli Giorgio - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
Socio CAI 11 / 03 / 2016 PIEMONTE Sono in stato avanzato numerosi progetti di impianti idroelettrici, alcuni anche all'interno del parco Naturale Alta Valsesia. L'ambiente è tutto il reticolo torrentizio della valle sono in serio pericolo. Val Mastellone Rege Gianluca - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Operatore TAM

03 / 03 / 2016 VENETO sul percorso della strada silvo pastorale e sentiero 466 vi è posto un segnale di pericolo con raffigurata motoslitta, ll percorso viene utilizzato per salite a Mondeval sia in estate che inverno. La accessibilità data alle motoslitte esclude sicuramente nel primo tratto l'accessibilità a pedoni, scialpinisti. Per esperienza diretta le motoslitte stavano salendo a percorrere la pista all'imbrunire rendendo pericolose altre presenze. Il gruppo era guidato. percorso motoslitte Perazze

Bellio Fiorella - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

 

Architetto 25 / 02/ 2016 VENETO Trattasi di un progetto autostradale che dovrebbe collegare l'autostrada A31 da Piovene Rocchette a Besenello immettendosi nell'Autobrennero 10 km a sud di Trento. L'autostrada ha un impatto notevole sul fondovalle, passa vicinissima alla chiesa romanica di S. Agata e alla chiesa longobarda di S. Giorgio di Velo d'Astico. Comporta la realizzazione di 60 km di tunnel (nei 2 sensi) su 40 km di tracciato. Una parte del tracciato è posto sopra il torrente. area di fondo valle - infrastruttura stradale Priante    Renzo - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Operatore TAM

18 / 02 / 2016 VENETO Il 7 novembre 2015 sono arrivata in cima al monte Palon per" il sentiero degli eroi" 5 moto scorrazzavano per i sentieri e le trincee spostando massi con le ruote. In due sono riusciti ad arrivare in cima. Sono scesa al rifugio Papa ed ho chiesto al rifugista se alle moto era consentito salire fino al rifugio ed oltre. Lui mi ha risposto che non ha tempo di controllare cosa fa la gente e il suo mestiere è quello di preparare da mangiare per i numerosi escursionisti e ciclisti che, visto la bella giornata, erano passati per il rifugio.Mentre la cameriera mi ha detto che il gruppo di ragazzi era solito salire al rifugio e fermarsi per il pranzo! museo storico all'aperto Fabbri Lidia
Socio CAI 18 / 02 / 2016 VENETO Dal 2010 sul Comune di Valstagna (VI), a nord di Bassano del Grappa, è attivo il progetto ADOTTA UN TERRAZZAMENTO, finalizzato al recupero delle aree terrazzatedisposte soprattutto sul fianco destro orografico del canale di Brenta. I terrazzamenti, che erano coltivati a tabacco fino agli anni 1950/1970, sono stati via via abbandonati. La vegetazione spontanea li ha rivestiti e fatti pressochè scomsparire.Al progetto attualmente aderiscono circa 120 adottanti. Paesaggio terrazzato del Canale di Brenta Brusegan Maria Grazia - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
  6 novembre 2016 - Monte Pasubio: tra rispetto e irriverenza VENETO      
  27 agosto - Il 7 Alpini allo Schiara chiude nell’indifferenza dalla comunità degli alpinisti VENETO  

 

 

 
  Rifugio 7º Alpini