Contenuto principale

27 febbra io 2015 - Giu le mani dal piano paesaggistico della ToscanaComunicato Stampa del 17 febbraio 2015

GIU’ LE MANI DAL PIANO PAESAGGISTICO DELLA TOSCANA

Le associazioni di tutela ambientale difendono il testo originario dai tentativi di aggressione delle lobby.

Gli emendamenti contro il Piano Paesaggistico della Toscana rappresentano un attacco gravissimo a danno di uno strumento di pianificazione urbanistica regionale che non ha precedenti negli ultimi 20 anni. Le associazioni di tutela ambientale - CAI, FAI, Italia Nostra, Legambiente, LIPU, Mountain Wilderness, ProNatura, Rete dei Comitati per la Difesa del Territorio, Slow Food Toscana, WWF – riunite oggi a Firenze, tutte concordi difendono il testo originario del piano dai continui emendamenti che, per come concepiti, appaiono chiaramente suggeriti da alcune lobby e che mirano a distruggerlo. Le associazioni vigileranno con molto scrupolo l’iter in corso per evitare che ciò accada. Il Piano che, per la prima volta, prende in esame il territorio nel suo insieme di natura, storia, società civile, è frutto di una straordinaria concertazione e co-pianificazione con il MiBACT che ora la politica, con un atto di arroganza, intende calpestare annientando quattro anni di lavoro di quanti, a questo strumento, hanno sapientemente lavorato con capacità, professionalità e rigore.

pdf 17 febbraio 2015 - Comunicato Stampa interassociativo "Giù le mani dal piano paesaggistico della Toscana"